Idee accettate  

Proposte comuni a tutte le successive alternative progettuali

Lettera MOVE

Aggiungere fontanelle

O

Aggiungere illuminazione (con eventualmente pannelli fotovoltaici)

O

Schermatura delle chiusure intorno al ripetitore

V

Mantenere i cipressi interni all’area

M

Eliminare i loculi (potrebbero essere conservati esclusivamente nel caso in cui il progetto risultante dal percorso di progettazione partecipata riguardi un cimitero per animali da compagnia)

E

Idee Scartate

Proposte eliminate

 

Motivazione

Eliminare strutture murarie esistenti per l'alloggiamento delle salme in modo da creare nuovi spazi e integrare meglio l'area esistente con il contesto del verde attualmente all'esterno della struttura

 

Tale proposta è stata interpretata nelle carte con le proposte “Sostituire parte delle mura perimetrali…”  che propongono alternative alle attuali strutture murarie che permettono di rispettare l’ indicazione dell’Amministrazione Comunale di “Mantenere la geometria complessiva del cimitero (chiusure e mura esterne), che richiama la pianta di una chiesa, con la possibilità di aumentare le aperture e modificare i materiali”

Apertura e chiusura e controllo della zona affidata a personale specifico (vedi gestione parco Castelli Mompiano)

 

Quello della gestione è un tema importante, che andrà affrontato al meglio parallelamente agli aspetti progettuali, l’affermazione è stata eliminata solo perché non offre indicazioni progettuali specifiche, se non la necessità di mantenere l’area chiudibile

Affidare la gestione ad una Associazione culturale del luogo

 

Quello della gestione è un tema importante, che andrà affrontato al meglio parallelamente agli aspetti progettuali, l’affermazione è stata eliminata solo perché non offre indicazioni progettuali specifiche

Riqualificazione e ampliamento area sotterranea da adibire a usi vari

 

L’Amministrazione Comunale ha stabilito che l’area sotterranea non è al momento oggetto del percorso di riqualificazione

Spostare i cipressi antistanti l’area per migliorare la viabilità

 

Lo spostamento di un albero di prima grandezza è un’operazione molto costosa e delicata, in quanto l’esemplare quando posto nella nuova sede non offre garanzie di stabilità anche qualora l’intervento fosse svolto da personale qualificato.

Tale proposta è stata convertita in “eliminare i cipressi antistanti l’area”.

Palestra polivalente chiusa nei mesi invernali

 

La proposta di una palestra polivalente completamente chiusa non sarebbe accettabile per l'area oggetto di studio, in quanto il PGT del Comune di Lumezzane, permette per tale area solo nuovi impianti sportivi all’aperto (Piano dei Servizi, art.3 NTA)

La proposta di una chiusura esclusivamente invernale non è ugualmente accettabile poiché la copertura mobile è stata considerata eccessivamente onerosa (in fase di costruzione e manutenzione) e in quanto esistono molti edifici non utilizzati nel centro urbano che potrebbero svolgere tale funzione al chiuso.

 

Strutture per box, atletica, twirling, pallavolo, karate, ginnastica calistenica

 

 

Tutte queste strutture possono trovare facilmente una loro collocazione in uno dei numerosi edifici non utilizzati del centro urbano, che potrebbero essere rifunzionalizzati per tale scopo. E’ stata mantenuta solo la proposta “Inserire attrezzi  per ginnastica calistenica” in quanto sono facilmente collocabili all’aperto e possono anche svolgere una funzione di stimolo al gioco per bambini e giovani.

Inserire copertura-tetto mobile per i mesi invernali

 

Si è scelto di eliminare tale proposta poiché molto onerosa (in fase di costruzione e manutenzione) e l’attuale bassa presenza di aree scoperte rispetto l’edificato rifunzionalizzabile del centro urbano non giustifica tale investimento.

Mantenere tutti i cipressi dentro e antistanti l'area

 

Si è scelto di eliminare questa proposta in quanto all’incontro pubblico del 19 giugno e nei commenti sul portale si è colta la volontà di mantenere i cipressi interni all’area (proposta inserita tra quelle direttamente accettate), perciò nelle carte è rimasta solo l’alternativa “eliminare i cipressi antistanti l’area” al fine di capire la volontà della comunità locale rispetto il viale alberato all’ingresso.

Inserire copertura erbacea e floreale a carattere ornamentale, non calpestabile

 

Si è scelto di eliminare questa proposta in quanto all’incontro pubblico del 19 giugno e nei commenti sul portale ha ricevuto solo giudizi negativi.

Eliminazione ripetitore (antenna)

 

Non è possibile rimuovere il ripetitore senza creare gravi problemi di ricezione, poiché non ci sono posti idonei al suo ricollocamento nelle vicinanze ed i costi dell’operazione risulterebbero molto elevati.

Sostituire parte delle mura perimetrali con superfici trasparenti

 

Si è scelto di eliminare questa proposta in quanto all’incontro pubblico del 19 giugno e nei commenti sul portale hanno prevalso i giudizi negativi ed inoltre la realizzazione di superfici trasparenti resistenti richiede l’uso di materiali costosi e il mantenimento della loro trasparenza richiede una manutenzione continua.  

Pavimentare parte dell’area con sabbia

 

Si è scelto di eliminare questa proposta in quanto all’incontro pubblico del 19 giugno e nei commenti sul portale ha ricevuto solo giudizi negativi.

Aumentare posti auto

 

Si è scelto di eliminare questa proposta in quanto all’incontro pubblico del 19 giugno e nei commenti sul portale ha ricevuto solo giudizi negativi.

Reintrodurre sculture di pregio del vecchio cimitero

 

Si è scelto di eliminare questa proposta in quanto da un confronto con l’Amministrazione Comunale non ci sono sculture del vecchio cimitero ricollocate in altri posti che potrebbero essere reintrodotte – la comunità locale può contattare direttamente l’Amministrazione Comunale per suggerire l’esatta scultura alla quale fa riferimento.

Creare spazi espositivi con supporti fissi

 

Si è scelto di eliminare questa proposta in quanto all’incontro pubblico del 19 giugno e nei commenti sul portale ha ricevuto solo giudizi negativi e in quanto le eventuali esposizioni permanenti potrebbero trovare collocazione nelle cappelle.

Creare spazi della memoria di Lumezzane affidati a singole famiglie per collocare foto, ricordi, filmati storici

 

Si è scelto di eliminare questa proposta in quanto all’incontro pubblico del 19 giugno e nei commenti sul portale ha ricevuto solo giudizi negativi, tranne uno.

Incidere periodicamente su elementi (pannelli, rocce) i nomi dei lumezzanesi creando un'architettura in divenire

 

Si è scelto di eliminare questa proposta in quanto all’incontro pubblico del 19 giugno e nei commenti sul portale ha ricevuto un solo giudizio positivo; allo stesso tempo se una delle due proposte  “giardino della  memoria locale di Lumezzane con esposizioni di reperti storico-artistici del luogo” o “giardino della  memoria produttiva di Lumezzane  con esposizioni di macchinari antichi (ad esempio magli per lo stampaggio a caldo)”  rientrerà tra le alternative progettuali della terza fase, tale proposta sarà considerata nella realizzazione di almeno un’alternativa.  

Pista da cross

 

Si è scelto di eliminare questa proposta in quanto è stata scritta in un secondo momento nel cartellone che riassumeva l’incontro pubblico del 19 giugno con accanto un solo giudizio negativo e nessuno positivo; inoltre la realizzazione di tale pista richiederebbe la realizzazione di movimenti terra al fine di creare dislivelli su una delle rare aree pianeggianti del centro urbano.

Parco avventura sospeso tra murature esistenti e pali in legno su nuovi plinti

 

La proposta è molto interessante, si è scelto di eliminarla in quanto i parchi avventura sospesi possono essere collocati facilmente su aree in pendenza (utilizzando anche esistenti alberature e pareti rocciose che offrono altezze più stimolanti rispetto le mura dell’area in oggetto). Esistono numerose aree limitrofe al centro urbano di Lumezzane più idonee a questa funzione.

Inserire pannelli illustrativi della vegetazione

 

La proposta è molto interessante se pensata strettamente correlata alle proposte “Realizzare un giardino botanico della Val Gobbia” e “Utilizzare flora della Val Gobbia per le nuove piantumazioni” in valutazione nella seconda fase di partecipazione. Nel caso in cui il progetto risultante dal percorso di progettazione partecipata utilizzi flora locale, il progetto prevedrà anche pannelli illustrativi della stessa.    

Mantenere la possibilità di chiusura notturna del giardino

 

 

 

Tale proposta è stata eliminata in quanto, l’interesse verso di essa è leggibile dai giudizi dati alle 4 proposte che cominciano con “Sostituire parte delle mura perimetrali con…” e alla proposta “Mantenere la totalità delle mura perimetrali”.

Inserire arredi di  pietra naturale

 

Tale proposta è stata sostituita con “Inserire arredi di  cemento” in quanto l’utilizzo della pietra è molto costoso e il cemento può offrire risultati interessanti; inoltre tale proposta all’incontro pubblico del 19 giugno e nei commenti sul portale ha ricevuto solo due giudizi positivi.

Inserire arredi di  materiali inusuali (ad es. mattoncini lego)

 

Si è scelto di eliminare questa proposta in quanto all’incontro pubblico del 19 giugno e nei commenti sul portale ha ricevuto solo giudizi negativi, tranne uno.

Realizzare un giardino ludico-ricreativo

 

L’interesse per tale proposta è ricavabile dall’interesse dimostrato per le proposte “Usare l'area per eventi musicali, teatrali, cinema all'aperto, culturali, ricreativi”, “Inserire un palco fisso dentro l'area”, “Inserire giochi…”, Inserire attrezzature sportive…”, che offrono indicazioni progettuali più definite.

Realizzare un giardino terapeutico dedicato a persone disabili e con ridotta capacità motoria

 

L’interesse per tale proposta è ricavabile dall’interesse dimostrato per le proposte “Inserire arredi  adatti anche ai disabili e persone con ridotta capacità motoria”, “Inserire attrezzature sportive adatte anche ai disabili e persone con ridotta capacità motoria”, “Inserire giochi adatti anche a bambini disabili” che offrono indicazioni progettuali più definite; nel caso in cui la seconda fase di partecipazione evidenzi l’interesse per le proposte suddette, una delle alternative progettuali farà riferimento alle ulteriori indicazioni specifiche presenti in alcune proposte del portale.

Realizzare nel giardino una galleria d'arte all'aperto

 

L’interesse per tale proposta è ricavabile dall’interesse dimostrato per le proposte “Creare spazi espositivi per opere artistiche lungo le aree laterali e la cappella principale”, “Creare spazi espositivi spazi espositivi per opere artistiche nel mezzo del giardino con supporti mobili” che offrono indicazioni progettuali più definite. Nel caso in cui la seconda fase di partecipazione evidenzi l’interesse per le proposte suddette, una delle alternative progettuali farà riferimento alle ulteriori indicazioni specifiche presenti in alcune proposte del portale.  

Affidare parte dell'area a scuole per didattica ambientale

 

La proposta è stata eliminata in quanto non offre indicazioni progettuali ma gestionali; nel caso in cui il progetto risultante dal percorso di progettazione partecipata sia compatibile con tale utilizzo l’Amministrazione Comunale è disponibile a considerare la proposta. 

Affidare parte dell'area ad una scuola d'arte

 

La proposta è stata eliminata in quanto non offre indicazioni progettuali ma gestionali; nel caso in cui il progetto risultante dal percorso di progettazione partecipata sia compatibile con tale utilizzo l’Amministrazione Comunale è disponibile a considerare la proposta. 

Affidare parte dell'area a volontari animalisti per rifugio animali

 

La proposta è stata eliminata in quanto non offre indicazioni progettuali ma gestionali; nel caso in cui il progetto risultante dal percorso di progettazione partecipata sia compatibile con tale utilizzo l’Amministrazione Comunale è disponibile a considerare la proposta. 

Realizzare un parco termale con piscine riscaldate

 

Dalle informazioni a nostra disposizione non ci sono fonti di acque termali naturali né fonti energetiche a basso costo (geotermiche) utilizzabili per realizzare piscine riscaldate con costi sostenibili